GOHAN: IL RISO BIANCO GIAPPONESE

GOHAN: IL RISO BIANCO GIAPPONESE

Prosegue il nostro viaggio nel saporito universo della cucina casalinga giapponese. Nel primo articolo, che di fatto ha collaudato questo nuovo spazio, abbiamo visto alcune caratteristiche del pasto giapponese tradizionale soprattutto per quel che riguarda la sua composizione.

L’obiettivo è quello di fornire un assaggio (è il caso di dirlo!) di questa parte parte della cucina del Sol Levante che forse, per il momento, è ancora poco conosciuta perché offuscata dalle specialità proposte dai ristoranti giapponesi in Italia, più o meno autentici. Ma questo è un altro discorso.

Oggi ci dedichiamo al principe della tavola giapponese: il riso

Il riso, infatti, è un elemento imprescindibile nella dieta giapponese e compare sulle tavole nipponiche ogni giorno, sia a casa sia al ristorante. L’amato cereale ricopre un ruolo di tale rilevanza che sono le altre portate a fargli da accompagnamento e non il contrario! Esso, infatti, rappresenta assieme alla zuppa di miso (di cui ci occuperemo prossimamente) le fondamenta dell’autentica tavola giapponese.

Per preparare una scodella perfetta di gohan (termine che in lingua indica il riso cotto oppure, in senso più ampio, il pasto in generale) servono poche cose e solo qualche accorgimento.

Insomma, poche mosse per un grande risultato che vi permetterà di mettere insieme un vero pasto giapponese di tutto rispetto.

Vediamo, nell’ordine, cosa ci serve e come procedere.

OCCORRENTE

Riso

Ingrediente fondamentale. Serve necessariamente un riso a chicchi piccoli, tondi e raffinati. Non sono adatti il basmati o tipologie troppo ricche di amido come l’arborio.

Consiglio di utilizzare riso appositamente etichettato come adatto per la cucina giapponese (la dicitura riso per sushi può essere un aiuto). In assenza di queste possibilità, l’unica varietà che mi sento di consigliare è un comune originario.

Utensili

Data l’importanza vitale del riso nella cucina giapponese, nel tempo si sono sperimentati vari approcci per tentare di valorizzare al meglio questo amato ingrediente conciliando, laddove possibile, il sapore con la rapidità di preparazione dettata da ritmi sempre più frenetici. Si è passati dall’antico e onorato metodo della cottura sulle stufe a legna fino ad arrivare alla cottura a microonde in appositi contenitori. Il metodo più diffuso è la cottura tramite pentole cuociriso elettriche che consentono una riuscita sempre perfetta. Tuttavia, tra i metodi ancora abbastanza utilizzati restano la cottura in tegami di coccio oppure in semplici pentole con fondo spesso e coperchio.

Per praticità, per questa ricetta utilizzeremo proprio una semplice pentola con coperchio.

Per smuovere e servire il riso, in Giappone si usano delle palette apposite che si chiamano shamoji. Se non l’avete, andrà bene un classico cucchiaio di legno

Il riso giapponese, solitamente, viene servito in scodelle di ceramica dalla caratteristica forma affusolata. Potete usare, tuttavia, una qualunque scodella.

PREPARAZIONE

Dosi per 1 persona

150g di riso giapponese

195ml d’acqua

  1. Versare il riso in un contenitore e aggiungere acqua fredda e mescolare rapidamente con le mani. Eliminare subito l’acqua di risciacquo che avrà assunto un colore biancastro.
  2. Ripetere l’operazione di risciacquo circa 3 o 4 volte, fino a quando l’acqua non risulterà pulita. (v. Collage risciacquo del riso)
  3. Se si ha del tempo in più a disposizione, per un migliore risultato, lasciare il riso lavato a bagno in altra acqua fredda per 20-30 minuti. Se siete di fretta potete saltare questo passaggio.
  4. Scolare il riso e versarlo nella pentola. Aggiungere i 195ml d’acqua, chiudere la pentola, accendere la fiamma al massimo. Non appena inizierà l’ebollizione, abbassare al minimo la fiamma e lasciar cuocere per circa quindici minuti. (v. collage Cottura del riso).
  5. Durante la cottura non sollevare mai il coperchio!
  6. Trascorsi i quindici minuti, spegnere la fiamma e lasciare a riposo la pentola per circa dieci minuti dopodiché smuovere delicatamente il riso con il cucchiaio di legno e servire.

Il riso alla giapponese è pronto! L’etichetta richiede che la scodella, che andrà posizionata a sinistra, non venga riempita troppo. Si farà sempre in tempo a fare il bis. Buon appetito! O come si usa dire in Giappone: itadakimasu!

Marianna Citino

www.biancorossogiappone.it

Start typing and press Enter to search

Shopping Cart

Nessun prodotto nel carrello.